VitAox Ultra: un innovativo complesso polivitaminico e antiossidante con ingredienti naturali

Sviluppata e formulata da dermatologi e nutrizionisti, VitAox Ultra è un’innovativa combinazione di ingredienti naturali ed estratti di piante, che contiene antiossidanti, carotenoidi e Vitamina D.

Polypodium Leucotomos

Ingrediente proveniente dall’estratto di felce. È compatibile con la pelle e agisce proteggendo i sistemi antiossidanti cutanei..

SCOPRI DI PIÙ

Polypodium Leucotomos (PL) o Calaguala è un tipo di felce originaria delle regioni tropicali e subtropicali delle Americhe.

L’estratto di Polypodium leucotomos è **ricco di polifenoli ** che gli conferiscono proprietà antiossidanti.

Gran parte degli studi sul Polypodium leucotomos si sono concentrati sulle capacità di protezione solare che derivano dal suo consumo: molti di essi hanno dimostrato che l’impiego di Polypodium leucotomos è efficace nel ** ma riduce anche l’infiammazione cutanea che compare dopo l’esposizione alla radiazione UV.**.

L’evidenza indica come il PL può ridurre l’arrossamento, la soglia oltre la quale la pelle si brucia durante l’esposizione alla luce solare e molti altri fattori che provocano un danno solare alla pelle.

Negli esseri umani l’assunzione di singole dosi dell’estratto di Polypodium leucotomos, non ha solamente un effetto antiossidante e inibitore della perossidazione lipidica di membrane cellulari cutanee,**ma riduce anche l’infiammazione cutanea che compare dopo l’esposizione alla radiazione UV. **. Un effetto importante del Polypodium leucotomos a seguito della sua somministrazione orale è l’induzione e l’attivazione di un gene (il gene p53), connesso con l’accelerazione nell’eliminazione di fotoprodotti di DNA altamente mutageni. In questo ambito, ha anche dimostrato ** la sua capacità di contrastare il danno ossidativo del DNA**, riducendo la mutagenesi indotta dalla radiazione UV.

Ci sono sufficienti evidenze cliniche per raccomandare la somministrazione orale di Polypodium leucotomos come agente fotoprotettore e per diverse malattie della pelle.

Leggi lo studio

Berman B, Ellis C, Elmets C. Polypodium Leucotomos–An Overview of Basic Investigative Findings. J Drugs Dermatol. 2016 Feb;15(2):224-8.

Polypodium Leucotomos (PL) o Calaguala è un tipo di felce originaria delle regioni tropicali e subtropicali delle Americhe.

L’estratto di Polypodium leucotomos è **ricco di polifenoli ** che gli conferiscono proprietà antiossidanti.

Gran parte degli studi sul Polypodium leucotomos si sono concentrati sulle capacità di protezione solare che derivano dal suo consumo: molti di essi hanno dimostrato che l’impiego di Polypodium leucotomos è efficace nel ** ma riduce anche l’infiammazione cutanea che compare dopo l’esposizione alla radiazione UV.**.

L’evidenza indica come il PL può ridurre l’arrossamento, la soglia oltre la quale la pelle si brucia durante l’esposizione alla luce solare e molti altri fattori che provocano un danno solare alla pelle.

Negli esseri umani l’assunzione di singole dosi dell’estratto di Polypodium leucotomos, non ha solamente un effetto antiossidante e inibitore della perossidazione lipidica di membrane cellulari cutanee,ma riduce anche l’infiammazione cutanea che compare dopo l’esposizione alla radiazione UV.. Un effetto importante del Polypodium leucotomos a seguito della sua somministrazione orale è l’induzione e l’attivazione di un gene (il gene p53), connesso con l’accelerazione nell’eliminazione di fotoprodotti di DNA altamente mutageni. In questo ambito, ha anche dimostrato la sua capacità di contrastare il danno ossidativo del DNA, riducendo la mutagenesi indotta dalla radiazione UV.

Ci sono sufficienti evidenze cliniche per raccomandare la somministrazione orale di Polypodium leucotomos come agente fotoprotettore e per diverse malattie della pelle.

Leggi lo studio

Berman B, Ellis C, Elmets C. Polypodium Leucotomos–An Overview of Basic Investigative Findings. J Drugs Dermatol. 2016 Feb;15(2):224-8.

Té verde

È conosciuto per il suo apporto di antiossidanti, grazie all’alto contenuto di polifenoli

SCOPRI DI PIÙ

Il tè è una delle bevande più popolari in tutto il mondo. Miliardi di persone lo bevono e numerosi studi hanno dimostrato che offre molti benefici per la salute. Esistono 3 principali varietà di tè: verde, nero e oolong, che si ottengono dalle foglie della stessa specie di una pianta chiamata Camellia sinensis. La differenza sta nella lavorazione del tè. Il tè verde viene elaborato partendo da foglie non fermentate, il tè oolong è fatto di foglie parzialmente fermentate mentre il tè nero è completamente fermentato.

Il tè verde contiene una serie di composti bioattivi, quali la caffeina e altri alcaloidi, i polifenoli e la vitamina K. Molte delle proprietà salutari del tè verde sono attribuite al suo contenuto di polifenoli. Essi includono flavonoidi e catechine e possono diminuire la formazione di radicali liberi nel corpo, proteggendo le cellule, le molecole e altri strutture dai danni.

Diversi studi hanno dimostrato i benefici dei polifenoli del tè verde nella fotoprotezione contro i danni indotti dalla radiazione UV. Questo può essere dovuto al fatto che i polifenoli possono accumularsi sulla pelle, pertanto bere tè verde regolarmente o prendere un integratore al tè verde potrebbe rappresentare un complemento alla protezione solare quotidiana..

L’effetto fotoprotettore del tè verde è evidente, in quanto provoca una diminuzione dose-dipendente dell’eritema indotto dalla radiazione ultravioletta. Diversi studi dimostrano che la somministrazione orale in maniera costante di polifenoli del tè verde aumenta la dose eritematica minima oltre a ridurre la fotocarcinogenesi e il fotoinvecchiamento indotto dalla radiazione UVB. Studi sperimentali hanno dimostrato che l’applicazione o il consumo orale di tè verde produce un effetto inibitore nella carcinogenesi, evidenziato dalla diminuzione del danno ossidativo del DNA.

Leggi lo studio

OyetakinWhite P, Tribout H, Baron E. Protective mechanisms of green tea polyphenols in skin. Oxid Med Cell Longev. 2012;2012:560- 82.

Il tè è una delle bevande più popolari in tutto il mondo. Miliardi di persone lo bevono e numerosi studi hanno dimostrato che offre molti benefici per la salute. Esistono 3 principali varietà di tè: verde, nero e oolong, che si ottengono dalle foglie della stessa specie di una pianta chiamata Camellia sinensis. La differenza sta nella lavorazione del tè. Il tè verde viene elaborato partendo da foglie non fermentate, il tè oolong è fatto di foglie parzialmente fermentate mentre il tè nero è completamente fermentato.

Il tè verde contiene una serie di composti bioattivi, quali la caffeina e altri alcaloidi, i polifenoli e la vitamina K. Molte delle proprietà salutari del tè verde sono attribuite al suo contenuto di polifenoli. Essi includono flavonoidi e catechine e possono diminuire la formazione di radicali liberi nel corpo, proteggendo le cellule, le molecole e altri strutture dai danni.

Diversi studi hanno dimostrato i benefici dei polifenoli del tè verde nella fotoprotezione contro i danni indotti dalla radiazione UV. Questo può essere dovuto al fatto che i polifenoli possono accumularsi sulla pelle, pertanto bere tè verde regolarmente o prendere un integratore al tè verde potrebbe rappresentare un complemento alla protezione solare quotidiana..

L’effetto fotoprotettore del tè verde è evidente, in quanto provoca una diminuzione dose-dipendente dell’eritema indotto dalla radiazione ultravioletta. Diversi studi dimostrano che la somministrazione orale in maniera costante di polifenoli del tè verde aumenta la dose eritematica minima oltre a ridurre la fotocarcinogenesi e il fotoinvecchiamento indotto dalla radiazione UVB. Studi sperimentali hanno dimostrato che l’applicazione o il consumo orale di tè verde produce un effetto inibitore nella carcinogenesi, evidenziato dalla diminuzione del danno ossidativo del DNA.

Leggi lo studio

OyetakinWhite P, Tribout H, Baron E. Protective mechanisms of green tea polyphenols in skin. Oxid Med Cell Longev. 2012;2012:560- 82.

Vitis Vinifera

Ha un importante potere antiossidante, grazie all’abbondanza di polifenoli e al suo alto contenuto di proantocianidine dell’estratto d’uva.

SCOPRI DI PIÙ

La Vitis vinifera è anche conosciuta come uva da vino, uva europea e vite. L’uva ha un alto contenuto di polifenoli e di altri bioattivi in minor quantità.

I polifenoli sono un vasto gruppo di sostanze che si trovano nelle piante, i cui effetti terapeutici sono stati ampiamente studiati. Come antiossidanti, i polifenoli, proteggono dal danno provocato dai radicali liberi a seguito dell’esposizione solare, dalla contaminazione e dallo stress.

Alla luce dei molteplici effetti benefici che vengono attribuiti ai composti dell’uva, sono stati realizzati numerosi studi clinici che si sono concentrati, principalmente, nell’analisi delle proprietà antiossidanti che consentono di proteggere il corpo dai danni causati dal sole e le cellule della pelle dallo stress ossidativo.

Diversi studi hanno dimostrato, mediante differenti meccanismi, che i composti presenti nella Vitis vinifera hanno la capacità di proteggere i melanociti dalla luce ultravioletta e inibire il danno della pelle e la melanogenesi.. È stato anche ipotizzato che questi composti potrebbero attenuare le anomalie cutanee dovute allo stress ossidativo, proteggere contro gli effetti nocivi della radiazione UV e ridurre le scottature solari.

Studi sperimentali suggeriscono che supplementi di composti naturali di Vitis Vinifera potrebbero arrestare la fotocarcinogenesi attraverso l’inibizione dell’infiammazione indotta dagli UVB e dei mediatori dell’infiammazione della pelle.

Leggi lo studio

Katiyar SK. Proanthocyanidins from grape seeds inhibit UV-radiation-induced immune suppression in mice: detection and analysis of molecular and cellular targets. Photochem Photobiol. 2015 Jan-Feb;91(1):156-62.

La Vitis vinifera è anche conosciuta come uva da vino, uva europea e vite. L’uva ha un alto contenuto di polifenoli e di altri bioattivi in minor quantità.

I polifenoli sono un vasto gruppo di sostanze che si trovano nelle piante, i cui effetti terapeutici sono stati ampiamente studiati. Come antiossidanti, i polifenoli, proteggono dal danno provocato dai radicali liberi a seguito dell’esposizione solare, dalla contaminazione e dallo stress.

Alla luce dei molteplici effetti benefici che vengono attribuiti ai composti dell’uva, sono stati realizzati numerosi studi clinici che si sono concentrati, principalmente, nell’analisi delle proprietà antiossidanti che consentono di proteggere il corpo dai danni causati dal sole e le cellule della pelle dallo stress ossidativo.

Diversi studi hanno dimostrato, mediante differenti meccanismi, che i composti presenti nella Vitis vinifera hanno la capacità di proteggere i melanociti dalla luce ultravioletta e inibire il danno della pelle e la melanogenesi.. È stato anche ipotizzato che questi composti potrebbero attenuare le anomalie cutanee dovute allo stress ossidativo, proteggere contro gli effetti nocivi della radiazione UV e ridurre le scottature solari.

Studi sperimentali suggeriscono che supplementi di composti naturali di Vitis Vinifera potrebbero arrestare la fotocarcinogenesi attraverso l’inibizione dell’infiammazione indotta dagli UVB e dei mediatori dell’infiammazione della pelle.

Leggi lo studio

Katiyar SK. Proanthocyanidins from grape seeds inhibit UV-radiation-induced immune suppression in mice: detection and analysis of molecular and cellular targets. Photochem Photobiol. 2015 Jan-Feb;91(1):156-62.

Vitamina C

È un nutriente antiossidante idrosolubile che favorisce la protezione delle cellule contro il danno ossidativo e il normale funzionamento del sistema immunitario.

SCOPRI DI PIÙ

La vitamina C, conosciuta anche come acido L-ascorbico, è una vitamina essenziale solubile in acqua. Gli esseri umani, a differenza della maggior parte degli animali, non sono in grado di sintetizzare la vitamina C in maniera endogena, pertanto è una componente essenziale nella dieta.

La vitamina C è un costituente normale della pelle che si trova in alti livelli tanto nel derma come nell’epidermide ed è anche un nutriente essenziale di una serie di reazioni metaboliche, inclusa la sintesi del collagene, un componente importante dello strato dermico della pelle,Ciò nonostante, l’invecchiamento e l’esposizione eccessiva alla luce UV o a contaminanti (ad esempio, fumo di sigarette e ozono) provocano una riduzione del contenuto di vitamina C nella pelle.

Alcuni studi hanno dimostrato che vitamina C può proteggere dal danno indotto dai raggi UVA e UVB, correggere problemi di pigmentazione e migliorare condizioni anomale della pelle.

In due studi sperimentali, l’aggiunta della vitamina C alla dieta ha ridotto la dimensione e il numero di neoplasie dermiche e tumori cutanei indotti dall’esposizione cronica ai raggi UV.

Diversi studi hanno dimostrato che l’uso orale della combinazione di vitamina C e vitamina E aumenta effettivamente la dose minima eritemica e diminuisce il flusso sanguigno indotto dall’eritema nelle aree danneggiate della pelle.Questo permette di ipotizzare che il consumo di entrambe le vitamine potrebbe fornire una protezione contro le radiazioni.

Nei modelli di colture di cellule, l’uso di vitamina C ha manifestato effetti benefici nel contrastare il fotodannosulla pelle. In particolare, è stato dimostrato che la vitamina C aumenta la sintesi delle proteine di collagene per riparare la pelle danneggiata, aumenta il tasso di proliferazione dei fibroblasti (capacità che diminuisce con l’avanzare dell’età) e stimola la riparazione del DNA nelle cellule della pelle.

Leggi lo studio

Greul AK, Grundmann JU, Heinrich F, Pfitzner I, Bernhardt J, Ambach A, Biesalski HK, Gollnick H. Photoprotection of UV-irradiated human skin: an antioxidative combination of vitamins E and C, carotenoids, selenium and proanthocyanidins. Skin Pharmacol Appl Skin Physiol. 2002 Sep-Oct;15(5):307-15.

La vitamina C, conosciuta anche come acido L-ascorbico, è una vitamina essenziale solubile in acqua. Gli esseri umani, a differenza della maggior parte degli animali, non sono in grado di sintetizzare la vitamina C in maniera endogena, pertanto è una componente essenziale nella dieta.

La vitamina C è un costituente normale della pelle che si trova in alti livelli tanto nel derma come nell’epidermide ed è anche un nutriente essenziale di una serie di reazioni metaboliche, inclusa la sintesi del collagene, un componente importante dello strato dermico della pelle,Ciò nonostante, l’invecchiamento e l’esposizione eccessiva alla luce UV o a contaminanti (ad esempio, fumo di sigarette e ozono) provocano una riduzione del contenuto di vitamina C nella pelle.

Alcuni studi hanno dimostrato che vitamina C può proteggere dal danno indotto dai raggi UVA e UVB, correggere problemi di pigmentazione e migliorare condizioni anomale della pelle.

In due studi sperimentali, l’aggiunta della vitamina C alla dieta ha ridotto la dimensione e il numero di neoplasie dermiche e tumori cutanei indotti dall’esposizione cronica ai raggi UV.

Diversi studi hanno dimostrato che l’uso orale della combinazione di vitamina C e vitamina E aumenta effettivamente la dose minima eritemica e diminuisce il flusso sanguigno indotto dall’eritema nelle aree danneggiate della pelle.Questo permette di ipotizzare che il consumo di entrambe le vitamine potrebbe fornire una protezione contro le radiazioni.

Nei modelli di colture di cellule, l’uso di vitamina C ha manifestato effetti benefici nel contrastare il fotodannosulla pelle. In particolare, è stato dimostrato che la vitamina C aumenta la sintesi delle proteine di collagene per riparare la pelle danneggiata, aumenta il tasso di proliferazione dei fibroblasti (capacità che diminuisce con l’avanzare dell’età) e stimola la riparazione del DNA nelle cellule della pelle.

Leggi lo studio

Greul AK, Grundmann JU, Heinrich F, Pfitzner I, Bernhardt J, Ambach A, Biesalski HK, Gollnick H. Photoprotection of UV-irradiated human skin: an antioxidative combination of vitamins E and C, carotenoids, selenium and proanthocyanidins. Skin Pharmacol Appl Skin Physiol. 2002 Sep-Oct;15(5):307-15.

Vitamina E

È un nutriente antiossidante liposolubile che favorisce la protezione delle cellule dal danno ossidativo.

SCOPRI DI PIÙ

La vitamina E è una vitamina solubile nei grassi ed essenziale per l’organismo, che agisce come agente antiossidante per aiutare a proteggere gli acidi grassi.

La vitamina E comprende 8 molecole che si dividono in due categorie: tocoferoli e tocotrienoli. Queste categorie si dividono a loro volta in alfa (α), beta (beta), gamma (γ), delta (δ). L’ α-tocoferolo è il composto più studiato insieme al γ-tocoferolo e al γ-tocotrienolo che sono anch’essi oggetto di ricerche, dovuto alla loro presenza nella dieta.

Come antiossidante, la vitamina E reagisce principalmente con le specie reattive dell’ossigeno. Inoltre, la vitamina E può anche assorbire l’energia della luce ultravioletta. svolgendo un ruolo importante nella fotoprotezione: previene la formazione dei radicali liberi indotti dalla radiazione UV e il danno ossidativo della pelle.

La vitamina E è l’antiossidante lipofilo più abbondante della pelle. ll suo ruolo principale è quello di prevenire il danno provocato dai radicali liberi e le specie reattive dell’ossigeno.

L’uso della vitamina E nella prevenzione dei danni indotti dalla radiazione UV è stato ampiamente studiato. Vari studi hanno confermato il potere fotoprotettore della vitamina E somministrata per via orale.

Diversi studi su topi alimentati con vitamina E sotto forma di acetato di α-tocoferolo mostrano una inibizione di tumori indotti dagli UV. Un altro studio ha riscontrato una riduzione del danno del DNA indotto dagli UV mediante l’uso di acetato α-tocoferolo alimentare.

In uno studio su esseri umani, a cui veniva somministrato 400 UI/dia di α-tocoferolo è stata osservata una riduzione della perossidazione lipidica indotta dalla radiazione UV sulla pelle, anche se non è stato osservato un effetto fotoprotettore totale. Inoltre, vari studi hanno rivelano che la combinazione di vitamina E e vitamina C può proteggere la pelle dal danno della radiazione UV e ridurre il danno nel DNA a seguito dell’esposizione ai raggi UV.

Leggi lo studio

Kannan S, Lim HW. Photoprotection and vitamin D: a review. Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2014 Apr-Jun;30(2-3):137-45.

La vitamina E è una vitamina solubile nei grassi ed essenziale per l’organismo, che agisce come agente antiossidante per aiutare a proteggere gli acidi grassi.

La vitamina E comprende 8 molecole che si dividono in due categorie: tocoferoli e tocotrienoli. Queste categorie si dividono a loro volta in alfa (α), beta (beta), gamma (γ), delta (δ). L’ α-tocoferolo è il composto più studiato insieme al γ-tocoferolo e al γ-tocotrienolo che sono anch’essi oggetto di ricerche, dovuto alla loro presenza nella dieta.

Come antiossidante, la vitamina E reagisce principalmente con le specie reattive dell’ossigeno. Inoltre, la vitamina E può anche assorbire l’energia della luce ultravioletta. svolgendo un ruolo importante nella fotoprotezione: previene la formazione dei radicali liberi indotti dalla radiazione UV e il danno ossidativo della pelle.

La vitamina E è l’antiossidante lipofilo più abbondante della pelle. ll suo ruolo principale è quello di prevenire il danno provocato dai radicali liberi e le specie reattive dell’ossigeno.

L’uso della vitamina E nella prevenzione dei danni indotti dalla radiazione UV è stato ampiamente studiato. Vari studi hanno confermato il potere fotoprotettore della vitamina E somministrata per via orale.

Diversi studi su topi alimentati con vitamina E sotto forma di acetato di α-tocoferolo mostrano una inibizione di tumori indotti dagli UV. Un altro studio ha riscontrato una riduzione del danno del DNA indotto dagli UV mediante l’uso di acetato α-tocoferolo alimentare.

In uno studio su esseri umani, a cui veniva somministrato 400 UI/dia di α-tocoferolo è stata osservata una riduzione della perossidazione lipidica indotta dalla radiazione UV sulla pelle, anche se non è stato osservato un effetto fotoprotettore totale. Inoltre, vari studi hanno rivelano che la combinazione di vitamina E e vitamina C può proteggere la pelle dal danno della radiazione UV e ridurre il danno nel DNA a seguito dell’esposizione ai raggi UV.

Leggi lo studio

Kannan S, Lim HW. Photoprotection and vitamin D: a review. Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2014 Apr-Jun;30(2-3):137-45.

Selenio

È un oligoelemento essenziale che svolge una funzione chiave nel sistema antiossidante della pelle.

SCOPRI DI PIÙ

Il selenio è un minerale essenziale che aumenta l’attività di alcuni enzimi antiossidanti la cui funzione biologica è conferire una protezione dal danno ossidativo. Difatti, le sue capacità antiossidanti aiutano a combattere i radicali liberi che possono essere nocivi per la salute cellulare..

Il selenio è necessario per la salute dell’uomo poiché alcuni enzimi, chiamati selenoproteine, richiedono il selenio per funzionare correttamente. Questi enzimi aiutano il corpo a svolgere alcune funzioni fisiologiche basiche.

Il selenio fa parte delle cellule della pelle come componente delle selenoproteine, per questo è essenziale per una funzione cellulare normale.

Alcuni studi rivelano che l’uso di selenio, tanto orale quanto topico, mitigare i danni causati dall’esposizione della pelle agli UVB per un aumento delle concentrazioni di proteine antiossidanti dipendenti dal selenio prima dell’esposizione ai raggi UV, rinforzando così la difesa antiossidante della pelle..

Esperimenti in vitro su cellule umane e animali hanno dimostrato l’efficacia del selenio nella prevenzione del danno indotto dalla radiazione solare e il suo potenziale per migliorare la capacità del DNA di riparare il danno.

La ricerca di base ha permesso di spiegare molti meccanismi di protezione che aiutano a mitigar los daños causados por la exposición de la piel a UVB,Sembra che il selenio possa intervenire in questi meccanismi agendo come elemento protettore. Si crede che il selenio potrebbe proteggere la pelle dalla radiazione UV aumentando le attività degli enzimi antiossidanti, come la glutatione perossidasi (GPx) e la tioredossina reduttasi.

Leggi lo studio

Roberts RL, Green J, Lewis B. Lutein and zeaxanthin in eye and skin health. Clin Dermatol. 2009 Mar-Apr;27(2):195-201.

Il selenio è un minerale essenziale che aumenta l’attività di alcuni enzimi antiossidanti la cui funzione biologica è conferire una protezione dal danno ossidativo. Difatti, le sue capacità antiossidanti aiutano a combattere i radicali liberi che possono essere nocivi per la salute cellulare..

Il selenio è necessario per la salute dell’uomo poiché alcuni enzimi, chiamati selenoproteine, richiedono il selenio per funzionare correttamente. Questi enzimi aiutano il corpo a svolgere alcune funzioni fisiologiche basiche.

Il selenio fa parte delle cellule della pelle come componente delle selenoproteine, per questo è essenziale per una funzione cellulare normale.

Alcuni studi rivelano che l’uso di selenio, tanto orale quanto topico, mitigare i danni causati dall’esposizione della pelle agli UVB per un aumento delle concentrazioni di proteine antiossidanti dipendenti dal selenio prima dell’esposizione ai raggi UV, rinforzando così la difesa antiossidante della pelle..

Esperimenti in vitro su cellule umane e animali hanno dimostrato l’efficacia del selenio nella prevenzione del danno indotto dalla radiazione solare e il suo potenziale per migliorare la capacità del DNA di riparare il danno.

La ricerca di base ha permesso di spiegare molti meccanismi di protezione che aiutano a mitigar los daños causados por la exposición de la piel a UVB,Sembra che il selenio possa intervenire in questi meccanismi agendo come elemento protettore. Si crede che il selenio potrebbe proteggere la pelle dalla radiazione UV aumentando le attività degli enzimi antiossidanti, come la glutatione perossidasi (GPx) e la tioredossina reduttasi.

Leggi lo studio

Roberts RL, Green J, Lewis B. Lutein and zeaxanthin in eye and skin health. Clin Dermatol. 2009 Mar-Apr;27(2):195-201.

Luteina

È un importante carotenoide con effetto antiossidante, che si trova nella parte centrale della retina, responsabile della visione centrale

SCOPRI DI PIÙ

La luteina è un carotenoide del gruppo delle xantofille. La fonte più ricca di luteina è la verdura dalla foglia verde, ma si può anche trovare in quantità significative nei broccoli, nel mais e nei piselli.

La luteina è un componente importante della retina dell’occhio e svolge un ruolo ben noto nella salute oculare, agendo come antiossidante e assorbendo la luce azzurra..

La luteina è presente anche nei compartimenti epidermici e dermici della pelle e contribuisce al suo colore.

Vari studi clinici che avevano come obiettivo lo studio della fotoprotezione hanno associato l’assunzione di luteina ad una migliore salute della pelle. Inoltre in uno studio in cui venivano valutati 5 parametri fisiologici (lipidi superficiali, idratazione, attività fotoprotettrice, elasticità della pelle e perossidazione lipidica della pelle) a seguito della somministrazione orale, è stata osservata una migliore protezione contro la perossidazione dei lipidi e un’attività fotoprotettrice della pelle dopo l’irradiazione UV.

Leggi lo studio

Roberts RL, Green J, Lewis B. Lutein and zeaxanthin in eye and skin health. Clin Dermatol. 2009 Mar-Apr;27(2):195-201.

La luteina è un carotenoide del gruppo delle xantofille. La fonte più ricca di luteina è la verdura dalla foglia verde, ma si può anche trovare in quantità significative nei broccoli, nel mais e nei piselli.

La luteina è un componente importante della retina dell’occhio e svolge un ruolo ben noto nella salute oculare, agendo come antiossidante e assorbendo la luce azzurra..

La luteina è presente anche nei compartimenti epidermici e dermici della pelle e contribuisce al suo colore.

Vari studi clinici che avevano come obiettivo lo studio della fotoprotezione hanno associato l’assunzione di luteina ad una migliore salute della pelle. Inoltre in uno studio in cui venivano valutati 5 parametri fisiologici (lipidi superficiali, idratazione, attività fotoprotettrice, elasticità della pelle e perossidazione lipidica della pelle) a seguito della somministrazione orale, è stata osservata una migliore protezione contro la perossidazione dei lipidi e un’attività fotoprotettrice della pelle dopo l’irradiazione UV.

Leggi lo studio

Roberts RL, Green J, Lewis B. Lutein and zeaxanthin in eye and skin health. Clin Dermatol. 2009 Mar-Apr;27(2):195-201.

Licopene

È un carotene che si trova nei vegetali e nella frutta. Possiede un effetto antiossidante, favorendo la salute della pelle.

SCOPRI DI PIÙ

Il licopene è un carotene che si trova principalmente nei pomodori, ma anche in altri tipi di frutta e verdura di colore rosso.

Una volta assorbito, il licopene circola nel sangue e si accumula principalmente nei tessuti e negli organi grassi del corpo.

Il licopene, agendo come antiossidante, aiuta a **neutralizzare i radicali liberi ** formatisi dalle reazioni chimiche che si producono continuamente nel corpo.

Sono state realizzate diverse sperimentazioni di intervento per valutare l’effetto dell’apporto di licopene nella protezione della pelle. Questi studi hanno rivelato che il consumo di licopene può diminuire la possibilità di formazione di eritemi, ridurre le rugosità della pelle e favorire la fotoprotezione , in quanto può assorbire la luce del range UV. Alcuni di questi studi hanno mostrato gli effetti benefici del licopene, tanto da solo quanto combinato con alcuni micronutrienti (vitamine e minerali).

Leggi lo studio

Rizwan M, Rodriguez-Blanco I, Harbottle A, Birch-Machin MA, Watson RE, Rhodes LE. Tomato paste rich in lycopene protects against cutaneous photodamage in humans in vivo: a randomized controlled trial. Br J Dermatol. 2011 Jan;164(1):154-62.

Il licopene è un carotene che si trova principalmente nei pomodori, ma anche in altri tipi di frutta e verdura di colore rosso.

Una volta assorbito, il licopene circola nel sangue e si accumula principalmente nei tessuti e negli organi grassi del corpo.

Il licopene, agendo come antiossidante, aiuta a **neutralizzare i radicali liberi ** formatisi dalle reazioni chimiche che si producono continuamente nel corpo.

Sono state realizzate diverse sperimentazioni di intervento per valutare l’effetto dell’apporto di licopene nella protezione della pelle. Questi studi hanno rivelato che il consumo di licopene può diminuire la possibilità di formazione di eritemi, ridurre le rugosità della pelle e favorire la fotoprotezione , in quanto può assorbire la luce del range UV. Alcuni di questi studi hanno mostrato gli effetti benefici del licopene, tanto da solo quanto combinato con alcuni micronutrienti (vitamine e minerali).

Leggi lo studio

Rizwan M, Rodriguez-Blanco I, Harbottle A, Birch-Machin MA, Watson RE, Rhodes LE. Tomato paste rich in lycopene protects against cutaneous photodamage in humans in vivo: a randomized controlled trial. Br J Dermatol. 2011 Jan;164(1):154-62.

Beta-carotene

È un precursore naturale della vitamina A che contribuisce a mantenere la pelle in condizioni normali.

SCOPRI DI PIÙ

Il beta-carotene, all’interno del gruppo dei carotenoidi, appartiene ai caroteni. Come tutti i carotenoidi, è unantiossidante solubile nei grassi che inibisce l’ossidazione di altre molecole e protegge il corpo dai radicali liberi..

Il beta-carotene si trasforma nel corpo in vitamina A. Anche questa vitamina agisce come antiossidante, proteggendo le cellule dal danno ossidativo. Il beta-carotene in sé non è un nutriente essenziale, mentre la vitamina A sì.

Vari studi riconoscono il beta-carotene come un agente fotoprotettore in quanto si crede che potrebbe inibire le reazioni fotochimiche che si producono sulla pella a seguito dell’esposizione ai raggi UV e che implicano la produzione di radicali liberi.

Dopo essere stato assunto, il beta-carotene viene assorbito dal flusso sanguigno, distribuendosi in vari organi del corpo, inclusa la pelle.

Vari studi hanno dimostrato che l’elevata assunzione di carotenoidi aumenta significativamente il livello endogeno della fotoprotezione UV della pelle, riducendo la sensibilità all’eritema indotto dai raggi UV. È stato anche osservato che il consumo prolungato di beta-carotene potrebbe aiutare a proteggere dalle scottature solari e migliorare l’arrossamento della pelle indotto dagli UV.

Leggi lo studio

(OyetakinWhite P, Tribout H, Baron E. Protective mechanisms of green tea polyphenols in skin. Oxid Med Cell Longev. 2012;2012:560- 82.)

Il beta-carotene, all’interno del gruppo dei carotenoidi, appartiene ai caroteni. Come tutti i carotenoidi, è unantiossidante solubile nei grassi che inibisce l’ossidazione di altre molecole e protegge il corpo dai radicali liberi..

Il beta-carotene si trasforma nel corpo in vitamina A. Anche questa vitamina agisce come antiossidante, proteggendo le cellule dal danno ossidativo. Il beta-carotene in sé non è un nutriente essenziale, mentre la vitamina A sì.

Vari studi riconoscono il beta-carotene come un agente fotoprotettore in quanto si crede che potrebbe inibire le reazioni fotochimiche che si producono sulla pella a seguito dell’esposizione ai raggi UV e che implicano la produzione di radicali liberi.

Dopo essere stato assunto, il beta-carotene viene assorbito dal flusso sanguigno, distribuendosi in vari organi del corpo, inclusa la pelle.

Vari studi hanno dimostrato che l’elevata assunzione di carotenoidi aumenta significativamente il livello endogeno della fotoprotezione UV della pelle, riducendo la sensibilità all’eritema indotto dai raggi UV. È stato anche osservato che il consumo prolungato di beta-carotene potrebbe aiutare a proteggere dalle scottature solari e migliorare l’arrossamento della pelle indotto dagli UV.

Leggi lo studio

(OyetakinWhite P, Tribout H, Baron E. Protective mechanisms of green tea polyphenols in skin. Oxid Med Cell Longev. 2012;2012:560- 82.)

Vitamina D

È un nutriente liposolubile che favorisce il normale funzionamento del sistema immunitario.

SCOPRI DI PIÙ

La vitamina D è unavitamina essenziale solubile nei grassi necessaria per l’assorbimento del calcio e lo sviluppo osseo, il funzionamento normale del sistema immunitario e il controllo della crescita cellulare.

L’esposizione alla luce solare è la principale fonte di vitamina D, in quanto la radiazione solare ultravioletta-B stimola la produzione di vitamina D presente nell’epidermide della pelle. Ciò nonostante, esistono anche fonti alimentari di vitamina D, quali il pesce e le uova. L’apporto di vitamina D viene associato a una vasta gamma di benefici.

Inoltre, durante un’esposizione solare prolungata si consiglia di assumere alimenti ricchi di vitamina D o integratori per mantenere livelli sierici adeguati.

Alcuni studi hanno mostrato come la vitamina D abbia un effetto fotoprotettore.

Leggi lo studio

(Kannan S, Lim HW. Photoprotection and vitamin D: a review. Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2014 Apr-Jun;30(2-3):137-45.)

La vitamina D è unavitamina essenziale solubile nei grassi necessaria per l’assorbimento del calcio e lo sviluppo osseo, il funzionamento normale del sistema immunitario e il controllo della crescita cellulare.

L’esposizione alla luce solare è la principale fonte di vitamina D, in quanto la radiazione solare ultravioletta-B stimola la produzione di vitamina D presente nell’epidermide della pelle. Ciò nonostante, esistono anche fonti alimentari di vitamina D, quali il pesce e le uova. L’apporto di vitamina D viene associato a una vasta gamma di benefici.

Inoltre, durante un’esposizione solare prolungata si consiglia di assumere alimenti ricchi di vitamina D o integratori per mantenere livelli sierici adeguati.

Alcuni studi hanno mostrato come la vitamina D abbia un effetto fotoprotettore.

Leggi lo studio

(Kannan S, Lim HW. Photoprotection and vitamin D: a review. Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2014 Apr-Jun;30(2-3):137-45.)

www.isdin.com Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, per personalizzare l'esperienza dell'utente, così come per ottenere stastisitche anonime riguardanti l'uso del sito. Per maggiori informazioni sui cookies utlizzati consulta la nostra pagina. POLITICA SUI COOKIES